«Speakeasy» a Roma: dove bere cocktails in locali segreti (pt. 2)

«Speakeasy» a Roma: dove bere cocktails in locali segreti (pt. 2)

3 Luglio 2019 0 Di

La scorsa settimana siamo andati alla scoperta di 5 misteriosi speakeasy disseminati per Roma (ve lo siete perso? Cliccate qui)
Molti di voi non ne avevano mai sentito parlare ma la vostra curiosità mi ha fatto pensare…qui ci vuole proprio una seconda puntata!
Io direi di iniziare: pronti a scovare altri 5 indirizzi che nascondono degli speakeasy tra i vicoli della capitale?
Come l’ultima volta prendete appunti e preparatevi ad un altro giro di divertimento.
Si riparte 🙂

 

6. Argot (Via dei Cappellari, 93)

© Argot

In zona Campo dei Fiori, Gabriele Simonacci, Francesco Bolla e Gianluca Melfa hanno deciso di creare l’Argot.
Il nome del locale rimanda al dialetto codificato parigino parlato nelle Corti dei Miracoli della Parigi del XVI secolo.
In via dei Cappellari 93, una porta ad angolo appena visibile, nessuna insegna e tessera ARCI obbligatoria come vuole un’ associazione culturale in piena regola (vi potete iscrivere qui) e sarete pronti per immergervi in questo fantastico «salotto di casa». Scendendo le scale vi aspettano una sala con pianoforte per le sessioni live ed un’altra dedicata ai fumatori.
Da Argot troverete cocktail unici con una sezione interamente dedicata alla reinterpretazione di drink storici in chiave moderna, oltre ovviamente agli evergreen della miscelazione.
Il prezzo? €10.
Curiosità:  il bancone è realizzato su misura interamente con pezzi di recupero.
E gli sgabelli vicini? Base fatte con le ruote ed un sellino di bici per sedersi!
Geniale!

Orari: tutti i giorni 23:00 – 4:00 / Chiuso Lunedì e Domenica.

 

7. The Barber Shop (Via Iside, 6)

© The barber shop

Avete sempre sognato di rivivere il film «Il grande Gatsby», entrando come Leonardo di Caprio in quello che sembra un comune barbiere, dietro cui si nasconde in realtà uno speakeasy?
Eccovi accontentati!
Da The barber Shop, a due passi dal Colosseo, troverete esattamente questo: appena entrati nella stanza sarete catapultati in una sala d’attesa dei barbieri d’epoca, con poltrone girevoli e specchi.
Ma una volta tesserati (prezzo tessera €5/annui) potrete accedere all’area segreta sotterranea dove inizia la vera magia.
Location indescrivibilmente bella, atmosfera davvero super vintage e cocktail strepitosi e la serata può ufficialmente partire.
Curiosità: il locale ha delle regole da rispettare. Qualche esempio? Si può pagare solo in contanti, niente urla, sii un gentiluomo e porta pazienza durante la preparazione dei cocktail: ne varrà la pena!

Orari: Dal Martedì al Giovedì 22:30–03:30 / Venerdì e Sabato 23:00–04:30 / Chiuso Lunedì e Domenica.

 

8. Blackmarket Hall (Via dè Ciancaleoni, 31)

© Blackmarket Hall

Un po’ diverso da quelli visti fin ora è sicuramente il Blackmarket Hall. Niente porte nascoste, insegne fantasma o iscrizioni da sottoscrivere ma l’atmosfera che si respira qui dentro resta fedele ai veri speakeasy.
Nato dalle fondamenta di un antico monastero, già dall’ingresso potete riscontrare il tocco vintage, una hall con poltrone in pelle, un pianoforte ed un bancone.
Scendendo le scale poi, troverete due sale principali ed un bellissimo piccolo spazio all’aperto, con tanto di lucine per rendere davvero magica la vostra serata.
Cocktail decisamente di qualità, da accompagnare eventualmente anche con del buon cibo.
Perfetto quindi anche per un aperitivo in compagnia lasciandosi cullare dalla musica: quasi sempre infatti vengono organizzati eventi di musica dal vivo (jazz, swing e tributi a grandi artisti).

Curiosità: Ogni giorno sono previste delle degustazioni-aperitivo con drink in omaggio dalle ore 18.00 alle ore 20.30!

Orari: aperto tutti i giorni 18:00 – 2:00

 

9. Int. 2 (Piazzale di Ponte Milvio, 43)

© Int. 2

Ci spostiamo adesso in zona Ponte Milvio alla scoperta di un locale avvolto completamente nel segreto.
Per entrare nel locale Int.2 dovete cercare un vecchio portone di un palazzo storico, salire le scale fino al 1° piano e citofonare proprio all’interno n° 2.
Una volta dentro, tesseratevi come soci (al prezzo di €2) e poi…che la serata abbia inizio.
Accederete ad posto surreale fatto di cocktail unici e gustosi, comodi divani e poltrone vintage di varie epoche, tappezzerie anni’20, lucine e librerie.
Vi sembrerà di essere in un salotto esclusivo in cui poter trascorrere una serata lontana dal caos e dagli schiamazzi, dove chiacchierare con della musica in sottofondo e magari decidere di proseguire l’aperitivo e trasformarlo in cena.

Curiosità: è prevista una sala dedicata ai fumatori.

Orari: Dal Lunedì al Giovedì 21:00 – 3:00 / Venerdì e Sabato 22:00 – 4:00 / Chiuso Domenica.

10. Jerry Thomas (Vicolo Cellini, 30)

© Jerry Thomas

La scena sembra ripetersi anche per questo locale: porticina semi nascosta, nessun insegna, solo un campanello con su scritto «Prof. Jerry Thomas» dove suonare.
Ma è qui che inizia il vero divertimento al Jerry Thomas: dallo spioncino vi verrà infatti chiesta la parola d’ordine!
Come ottenerla? Sul loro sito andate nella sezione «Prenotare allo Speakeasy» e leggete attentamente le istruzioni (chi e quando chiamare per bloccare un tavolo: è assolutamente necessaria la prenotazione!) e poi…dovete rispondere ad una semplicissima domanda nascosta nella homepage.
È più facile di quanto sembri, aguzzate la vista. Non avrete altre info da me eheheh!
Quindi ricapitoliamo: avete prenotato un tavolo, vi siete iscritti all’associazione e siete membri del circolo, avete ottenuto la parola d’ordine.
Si parte direi!
Baristi vestiti di tutto punto, musica swing in sottofondo e menù dei cocktail ricco di informazioni accurate sulla storia e gli ingredienti che compongono ogni drink.

Curiosità: il “Professor” Jerry Thomas da cui prende il nome il locale, è stato un barista statunitense considerato il padre dell’arte di miscelare i cocktail.
Nel 1862 scrisse il 1° ricettario mai esistito sui cocktail.

Orari: aperto tutti i giorni dalle 22:00 alle 4:00 / Domenica 21:00 – 3:00

 

Conclusioni

Allora, vi siete divertiti anche questa volta a leggere tutte le curiosità che nascondono questi locali?
Ora gli speakeasy non hanno più segreti per voi e potete dire di essere dei veri esperti del settore!
Non vi resta che provarli tutti e scoprire qual è il vostro preferito.

Non dimenticate di condividere questo articolo con tutti i vostri amici, invitarli a seguirmi sul blog, su Instagram e Facebook per essere sempre aggiornati.

Alla prossima avventura 🙂

SHARING IS CARING